Qual è il segreto degli scommettitori vincenti?

Il segreto degli scommettitori vincenti

Qual è il segreto degli scommettitori vincenti? Domanda da un milione di dollari se pensiamo che il 98% di chi scommette è in perdita costante.

Dunque, cosa fa e come lo fa, il restante 2%?

Abbiamo già detto che, per essere vincenti nel lungo periodo, dobbiamo scommettere su quote di valore, puntare i nostri soldi su quote il cui valore atteso è positivo.

Effettuare scommesse quindi con una maggiore possibilità di riuscita di quella espressa dalla quota (approfondisci leggendo l’articolo Value bet).

Ma qual è il momento migliore per valutare una quota, appena vengono “pubblicate” o poco prima dell’inizio dell’evento?

Quale dei due momenti fornisce più valore alla quota?

Nel momento in cui le quote (dette quote “di apertura”) vengono pubblicate dai bookmakers, sono state calcolate sulla base di analisi statistiche che fanno riferimento alle passate prestazioni della squadra, unite a qualsiasi altra informazione rilevante, come gli infortunati o gli squalificati.

Le quote cd “di chiusura” (quelle cioè che sono definite poco prima dell’inizio dell’evento) riflettono invece una serie di altri fattori, il più importante dei quali è dato dai volumi di giocata (quanti giocatori stanno puntando quell’esito) e dai volumi di denaro che viene puntato su ogni esito. Per questo motivo hanno subito una sorta di “riallineamento” da parte dei bookmakers (puoi approfondire l’argomento leggendo l’articolo come battere i bookmakers).

Ora, diciamo subito che ci sono correnti di pensiero contrapposte.

C’è chi dice che le quote migliori siano quelle di apertura, perché rispecchiano esattamente le probabilità intrinseche e non sono influenzate da fattori esterni.

C’è chi invece preferisce quelle di chiusura poiché rappresentano il momento di maggior efficienza del mercato, inglobando e rappresentando tutti quegli elementi che si vanno ad aggiungere al dato statistico (infortuni, squalifiche, condizioni meteo, etc.).

Questa dicotomia non è un fattore secondario da considerare, anzi è di fondamentale importanza alla luce del fatto che, per essere degli scommettitori vincenti, dobbiamo essere bravi ad identificare quelle quote che abbiano un valore atteso positivo (Ev+).

Il problema, considerate le fluttuazioni delle quote, è che quello delle scommesse non è un mercato efficiente: quali sono dunque le quote che rappresentano con maggiore precisione le probabilità dei risultati?

Ci viene in aiuto (se così si può dire) la teoria del mercato efficiente, mutuata dall’ambito finanziario: senza entrare in discorsi complicati, diciamo solo che secondo questa teoria il mercato si autoregola. In pratica qualsiasi inefficienza non potrà persistere a lungo in quanto sarà il mercato stesso che provvederà ad eliminare tali inefficienze. Applicato alle scommesse suona più o meno così: se vi fossero delle quote sbagliate, gli scommettitori vincenti ne approfitterebbero subito, puntando in maniera massiccia su quelle quote. Questo porterebbe ad un abbassamento delle stesse da parte dei bookmakers e ad una eliminazione della inefficienza.

Partendo da questo ragionamento passiamo al punto che ci interessa: dal momento che le quote di apertura non riflettono tutte le informazioni del mercato, presenteranno inevitabilmente delle inefficienze e dunque quelle di chiusura sono una più precisa stima delle probabilità.

L’importanza di battere le quote di chiusura

Molti professionisti confrontano le quote delle proprie scommesse con quelle di chiusura per capire se il loro modo di stimare le probabilità, sia effettivamente vincente. Tentano in questo modo di capire se vi sia un reale vantaggio o si trovino semplicemente in un periodo di varianza positiva. Nel caso di una costante serie di quote migliori rispetto a quelle di chiusura avranno un indicatore affidabile per misurare la loro strategia e capire se stanno trovando ed effettuando scommesse di valore.

 

Iscrivetevi al blog e continuate a seguirmi, in un prossimo articolo scopriremo come calcolare il valore atteso di una scommessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.