Movimenti di quote: come sfruttarli?

movimenti di quote

Movimenti di quote: come sfruttarli?

Quale sarà il punteggio esatto della prossima partita? Domanda intrigante, sulla quale hanno riflettuto ogni giorno decine di migliaia di scommettitori, cercando di trovare un sistema vincente in ognuno dei mercati offerti dai bookmakers e dagli exchange.

Purtroppo, è anche una delle risposte più difficili. Nel mondo del betting/trading, sono molte le persone in grado di valutare una partita e stabilire con un certo grado di accuratezza, chi vincerà (o perderà) un determinato match. 

Tuttavia la capacità di indovinare il punteggio finale di una partita si è rivelato molto più difficile, nonostante siano stati utilizzati una infinità di algoritmi.

La vera bellezza di questo mercato, se operiamo nell’ambito del betting exchange, è che non è necessario essere esattamente precisi.

Si può essere “grosso modo” corretti e realizzare comunque un profitto: è possibile utilizzare dei “ranges” o si può anche cercare di evitare il risultato esatto e comunque fare soldi.

Un trader può anche girare intorno una posizione in perdita nel mercato Risultato Esatto, visto che offre una tale ricchezza di permutazioni.

Ed è questa incredibile flessibilità che rende il mercato “risultato esatto” forse la scelta più popolare per la creazione di idee e strategie.

Si tratta di un mercato più faticoso, la maggior parte delle tattiche e dei metodi più complicati vengono applicate ad esso nel tentativo di elaborare un sistema vincente e redditizio.

Dopotutto, vista l’enorme disponibilità di permutazioni possibili, le possibilità di sviluppare un sistema diabolico e astutamente congegnato sono quasi infinite.

Prenderemo in esame, nei prossimi articoli, alcune di queste strategie, le più comuni e popolari utilizzate in questo mercato, cercando di valutare oggettivamente sia punti di forza che i punti deboli di ognuna di esse. 

Prima di fare questo, è necessario imparare a conoscere come le quote si muovono a seconda del punteggio e del minutaggio nel corso di una partita.

Ovviamente, ci sono altri eventi legati a particolari situazioni (una espulsione ad esempio) che possono far variare notevolmente le quote ma in generale i movimenti seguiranno sempre dei dati schemi.

 

Prendiamo in esame due esempi per avere un’idea di quello che è il movimento delle quote.

 

Movimenti di quote con squadra di casa fortemente favorita:

Se abbiamo una partita con la squadra di casa fortemente favorita, in generale il no goal, ed i RE 0-0, 1-0,  2-0 e 0-1 (anche se meno rapidamente degli altri) inizieranno a scendere sin dal calcio d’inizio.

Il 3-0 potrà avere dei piccoli movimenti in discesa, dipende dalla quantità di azioni durante l’incontro.

L’1-1, 2-1 e 1-2 dovrebbero rimanere relativamente statici, mentre tutti gli altri saliranno costantemente, un po’ più rapidamente di altri.

Se si resta senza goal nei primi 40 minuti, allora il  2-0 inizia a salire, sebbene l’1-1 resti  relativamente stabile.

I punteggi 0-0, 1-0 e 0-1 continueranno a scendere per 50 minuti, l’1-1 inizierà a salire, e dieci minuti dopo (al 60° circa)  l’ 1-0 e lo 0-1 invertiranno la tendenza e inizieranno a salire.

Lo 0-0, naturalmente, continuerà a scendere.

Se il risultato volge a favore per la squadra di casa nei primi 15 minuti della partita, allora l’ 1-0 sale prendendo più o meno la quota dello 0-0 al momento del gol, mentre i RE 2-0, 3-0 e 4-0 scendono (ci si aspettano altre reti dalla favorita), il 2-1 rimarrà stabile, mentre l’1-2 salirà molto.

Se invece il punteggio nei primi 15 minuti è favorevole alla squadra in trasferta, allora lo 0-1 scende drammaticamente, così come lo 0-2, 2-1 e 1-1. Anche il punteggio 3-1 cala un pò, mentre gli altri non si muovono molto. 

Movimenti di quote con squadre che si equivalgono:

Vediamo gli stessi scenari per le squadre che si equivalgono.

Lo 0-0, 1-0 e 0-1 scenderanno come al solito. Il punteggio di 1-1 rimane in gran parte stabile, come sarà per il 2-0 e lo 0-2 (forse alcune lievi variazioni in entrambi i casi), ma il 2-1 e 1-2 saliranno. Intorno ai 30-35 minuti, il 2-0 e lo 0-2 cominceranno a salire, l’1-1 inizierà anche a salire, ma ad un ritmo più lento.

Se il risultato va a favore della squadra di casa nei primi 15 minuti, scende l’1-0, così come l’1-1, il 2-0, il 2-1 e il 2-2, mentre l’1-2 sale leggermente.

Se il punteggio è a favore della squadra fuori casa, scendono i risultati inversi (0-2, 1-2).

Possiamo dire in generale che il risultato in corso e quelli più prossimi (se 0-0 ad esempio l’1-0, lo 0-1 e lo stesso 0-0) scenderanno sin dall’inizio della partita, mentre gli altri o rimarranno stabili (tipo 1-1 o 0-2 e 2-0) o tenderanno a salire di quota man mano che il tempo passa.

Movimenti di quote: Under e Over

Ovviamente, essendo legati al tempo ed ai goal, anche questi mercati avranno un percorso prevedibile: più è alto il numero dei goal, più velocemente l’over salirà con il passare del tempo se non vi sono segnature (di conseguenza l’under scenderà più o meno velocemente).

Vero anche il contrario, ossia che la quota di un Over alto, in caso di una o più segnature rapide, scenderà in maniera abbastanza consistente.

Considerazioni finali

E’ necessario precisare che queste sono indicazioni di massima: alcuni fattori quali infortuni di giocatori importanti, espulsioni o altre importanti variazioni del normale svolgimento della partita, possono modificare queste indicazioni e portare a movimenti di quote anche abbastanza repentini, in un senso o in un altro.. 

Sulla base di queste indicazioni di massima vedremo quali strategie possono essere adottate scommettendo con il Betting Exchange( ricordiamo che in Italia è possibile farlo esclusivamente tramite Betfair o Betflag).

Continuate a seguirci…

4 thoughts on “Movimenti di quote: come sfruttarli?”

  1. Ciao. Scusa, avrei una domanda per chiarire il tutto. Nella sezione Over/Under, quando scrivi “più è alto il numero dei goal, più velocemente l’over salirà con il passare del tempo se non vi sono segnature”, per “numero di goal” intendi in realtà i vari mercati (0.5, 1.5, 2.5 etc) esatto? Per quanto riguarda la velocità, se siamo ancora 0-0, per gli over si dovrebbero muovere, partendo da 0.5 a 6.5, da più lento a più veloce, giusto? Per gli under invece è il contrario, partendo da 6.5 a 0.5, più veloce a più lento? Grazie mille, Paolo

    1. Si, se non ci sono reti la quota dell’over 5.5 (per fare l’esempio di un over alto) salirà molto più velocemente di quella dell’over 1.5 o 2.5 o 3.5. Ovviamente, come hai ben puntualizzato tu, gli under avranno l’andamento contrario. Grazie per la precisazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.