Betting Betting Exchange

Valuebet una scommessa conveniente

valuebet una scommessa conveniente

Un elemento fondamentale quando si approccia al mondo delle scommesse è capire che non dobbiamo “indovinare” semplicemente chi vincerà, dobbiamo ricercare nella scommessa l’evento per noi più conveniente, in base alle percentuali ed alle quote.

Dobbiamo cercare di eliminare quella parte di azzardo per concentrarci invece sulla parte statistica e matematica di una scommessa: non è importante chi pensiamo che vinca, è importante trovare una valuebet, cioè una scommessa di valore.

Come facciamo?

Esaminiamo un evento, poniamo Juve-Inter: la prima cosa che dobbiamo chiederci è quali sono, a nostro modo di vedere, le percentuali relative ai tre segni. Ovviamente questo calcolo deve avere delle basi statistiche e/o matematiche, non deve essere un puro esercizio di ipotesi: normalmente, per questo, ci si basa su dei database statistici comprendenti almeno statistiche sui campionati europei più importanti.

Uno dei migliori, a mio avviso, è soccerstat.com.

Torniamo al nostro match e supponiamo che le nostre percentuali statistiche siano le seguenti: 

1 – 50%

X – 30%

2 – 20%.

Conosciamo già la formula per trasformare queste percentuali in quote, l’abbiamo vista in questo articolo (valuebet o quote di valore), non facciamo altro che applicarla:

(1/nostra probabilità stimata)

Avremo quindi la seguente situazione:

La quota del 1 equivale a (1/50%) = 2;

La quota della X equivale a (1/30%) = 3,33;

La quota del 1 equivale a (1/20%) = 5.

Ricordiamo che noi stiamo calcolando le quote con una lavagna al 100%, cosa impossibile per il bookmakers che, sulle stesse, applica l’aggio.

Dunque vediamole le quote del nostro bookmakers di riferimento:

1 – 1,81

X – 4

2 – 5

Già ad occhio possiamo vedere una cosa importante: la quota del 1 è sottostimata dal book (vale 1,81 mentre secondo noi dovrebbe essere pari a 2), quella della X è sovrastimata (vale 4 rispetto al nostro 3,33), quella del 2 è identica alla nostra.

Verifichiamo meglio, trasformiamo le quote in percentuali, applicando la formula che abbiamo visto sopra ma riferita alle quote:

(1/quota)x100

La quota del 1 equivale a (1/1,65)x100 = 60%;

La quota della X equivale a (1/4)X100 = 25%;

La quota del 1 equivale a (1/5)X100 = 20%.

Vediamo intanto che la lavagna non è al 100%, con una semplice somma delle percentuali:

60% + 25% + 20% = 105%

Il book sta applicando su questo evento un margine del 5%.

Quello però che a noi interessa di più è il fatto che le percentuali ci confermano quello che avevamo visto con le quote: la X è una valuebet, è cioè la quota più conveniente da giocare in quanto la differenza tra la nostra stima e quella del book, ci permette di avere quel vantaggio necessario per essere in attivo nel lungo periodo.

SE QUESTA PAGINA TI E’ STATA UTILE E TI E’ PIACIUTO L’ARTICOLO CONTINUA A SEGUIRCI:

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

ISCRIVITI ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

FAI UNA DONAZIONE

ISCRIVITI AL BLOG.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.